fbpx

Dormire poco e male aumenta il rischio di cancro al seno

Home » Dormire poco e male aumenta il rischio di cancro al seno

Dormire poco e male aumenta il rischio di cancro al seno

In questo articolo affronteremo un tema molto delicato e di assoluta importanza. La mission di Morfeo è quella di diffondere la cultura del sonno, perché sappiamo bene quanto la qualità del riposo possa influire sulla nostra salute. In Italia, purtroppo, la connessione sonno e benessere non è ancora conosciuta come dovrebbe. La conseguenza è che la maggior parte delle persone sottovalutano gli effetti e le conseguenze che la fase del riposo ha sul nostro corpo (passiamo più di un terzo della nostra vita dormendo). Degli studi scientificamente approvati hanno messo in evidenza come esista un rapporto tra il buon riposo e una delle patologie più temute dalle donne di tutto il mondo: il cancro al seno.

Lo studio: il rischio di tumore al seno

Interrompere l’equilibrio dell’orologio biologico, che regola la fisiologia dell’organismo nell’arco delle 24 ore, lavorando di notte o riposando poco e male è collegato “in maniera inequivocabile ad un aumento del rischio di sviluppare un tumore, soprattutto al seno”. Lo ha stabilito, sulla base dei risultati sui topi, una ricerca pubblicata su Current Biology e firmata dall’Erasmus University Medical Centre (Olanda). Secondo gli scienziati, “le donne con un rischio familiare di cancro al seno non dovrebbero mai fare un lavoro con turni notturni che interrompono il ritmo circadiano per lungo tempo”. Allo stesso modo anche dormire per un numero non sufficiente di ore, sia a causa di attività che di supporti come materassi e reti di bassa qualità che impediscono il corretto e continuo riposo può avere delle gravi conseguenze (quante volte ti è capitato di svegliarti di notte a causa di dolori o scomodità?). I dati indicano inoltre che le cavie, sottoposte ad un ritardo dell’orologio biologico di 12 ore a settimana per un anno, hanno accumulato il 20% in più di peso  nonostante abbiano mangiato sempre la stessa quantità di cibo. Nei topi stressati dal poco sonno, lo sviluppo della neoplasia si è verificata con un anticipo di 8 settimane.

“Questo è il primo studio che mostra inequivocabilmente un legame tra l’inversione cronica delle fasi giorno-notte e lo sviluppo anticipato del cancro al seno afferma. Ma interpretare le conseguenze sull’uomo non è facile. Ad esempio, lo stress del ritmo circadiano potrebbe portare dopo un anno a un peso di 10 chili in più e un rischio anticipato di 5 anni di ammalarsi di cancro al seno, ma servono altri studi per avere maggiori certezze”.

Gijsbetus van der Horst, autore dello studio, alla ‘Bbc’

Il riposo corretto come sana abitudine di vita

Il prezioso studio mette ancora più in evidenza come sia fondamentale non sottovalutare l’importanza che il riposo corretto ha nella nostra vita. Spesso e volentieri ci dimentichiamo che la prevenzione è molto più importante ed efficace della cura. Per questo noi di Morfeo ci impegniamo ogni giorno nella ricerca, nell’innovazione e nella sensibilizzazione sul territorio di un tema che oggi più che mai ha bisogno di essere diffuso.

Torna su