fbpx

Girare il materasso: come e quando farlo a cadenza regolare

Home » Girare il materasso: come e quando farlo a cadenza regolare

girare il materasso

Girare il materasso: come e quando farlo a cadenza regolare

Tutti noi conosciamo bene l’importanza di girare il materasso, un’operazione che può sembrare inutile e banale, ma che invece serve moltissimo alla cura dello stesso.

Girare il materasso

Con una certa cadenza, è importante girare il materasso. Questo permette di durare più a lungo e di mantenere al meglio le sue proprietà, per un periodo di tempo maggiore. Effettuando questa operazione a cadenza regolare potremo avere a disposizione per moltissimi anni un prodotto che ci permette di riposare bene e di garantire una corretta postura per la schiena.

Ma cosa succede se non giriamo il materasso? A lungo andare, si avrà un’usura del prodotto e si starà più scomodi la notte, con il rischio di comparsa di dolori in tutto il corpo. Quando il materasso non viene girato a lungo, le sue prestazioni calano in modo notevole, perché si va a forzare sempre sugli stessi punti di pressione della sua superficie. Se, invece, lo giriamo, possiamo dare a lui la possibilità di riposare le zone più stressate, che spesso coincidono con quelle a contatto prolungato con i fianchi e con le spalle.

Ogni quanto deve avvenire questa operazione? Ciò si dovrebbe fare ogni due o tre mesi circa. Di solito, il momento migliore è sul finire dell’estate. Prendiamo come abitudine quella di appuntare questo momento sul calendario, andando a segnare quattro o cinque promemoria all’anno, in modo da non scordarsene.

Un tempo, era necessario girare il materasso nel vero senso della parola. I materassi di prima, infatti, avevano due lati: uno estivo, più leggero e traspirante, e uno invernale più pesante. Si andava, dunque, due volte all’anno a girare il materasso a seconda della stagione corrispondente. I materassi di oggi, invece, non hanno più necessità di compiere questa operazione, pertanto si procede soltanto a girare il materasso “testa-piedi”. In questo modo, andremo ogni due o tre mesi circa a capovolgere di 180° il nostro materasso, per permettere così che esso duri più a lungo possibile e che ci faccia dormire al meglio.

Torna su